Valutazione aporetica dei Presidenti USA del dopoguerra al 92° giorno di permanenza alla Casa Bianca

Ha parlato Joe Biden dei suoi primi novantadue giorni di Presidenza.
I fatidici ‘Primi cento giorni’ cadranno il prossimo 30 aprile e di solito è a quella scadenza che si trae un bilancio.
(Viene da pensare a un atto scaramantico visto che i ‘Cento giorni’ napoleonici si conclusero sostanzialmente con Waterloo e che dopo avere pubblicato il suo programma sotto il titolo ‘I miei primi cento giorni alla Casa Bianca’ Huey Long fu assassinato).
Tant’è.
Ma visto che lo ha fatto, diamo una veloce occhiata alla valutazione favorevole o contraria data dai sondaggi (come raccolti da FiveThirtyEight) proprio a questo giorno confrontandola con quella degli altri Presidenti dal dopoguerra.
Ebbene, Biden ha un bilancio positivo ma di certo non in modo particolare.
Anzi, Trump escluso (l’unico con un esito in assoluto negativo), è da questo punto di vista il peggiore dato che gli interpellati a lui favorevoli sono il 53 per cento mentre i contrari arrivano al 40.
Ecco per il necessario raffronto quanto relativo ai predecessori:
Truman era 87 a 3
Eisenhower 73 a 8
Kennedy 78 a 6
Johnson 74 a 9
Nixon 70 a 12
Ford 51 a 31
Carter 63 a 18
Reagan 68 a 18
G. H. Bush 58 a 16
Bill Clinton 53 a 34
G. W. Bush 56 a 28
Obama 60 a 33
Trump 42 a 52.