Quando il Vice giurò ed entrò in carica prima del Presidente (a proposito di Insediamento)

La cerimonia dell’Insediamento del Presidente degli Stati Uniti eletto (ovviamente, in caso di successione del Vice mortis causa o a seguito di dimissioni non è stabilita una data e invero non ha comprensibilmente un particolare smalto) ha avuto luogo la prima volta il 30 aprile 1789.
Nella circostanza, George Washington era stato preceduto (aveva il desso giurato il 21, nove giorni prima, ed è l’unica occasione nella quale, per via del sistema elettorale che non prevedeva il ticket partitico e che sarà modificato nel 1804, è accaduto ) dal Vice John Adams.
Dalla seconda tornata elettorale datata 1792 e fino a quella del 1932, la solenne celebrazione si è svolta il 4 marzo dell’anno successivo a quello elettorale ed ha sempre riguardato sia il Capo dello Stato che il Vicario.
Dalla votazione del 1936 – a seguito dell’Emendamento costituzionale datato 1933 e riguardò l’inizio del secondo quadriennio di Franklin Delano Roosevelt – ha luogo il 20 gennaio, sempre dell’anno successivo a quello elettorale, a mezzogiorno.
È a partire da John Adams (4 marzo 1797) che il Giuramento dell’eletto viene prestato nelle mani del ‘Chief’ della Corte Suprema.