Quando comincia la storia dei Stati Uniti d’America?

Una domanda alla quale si può e si deve rispondere “Il 4 luglio 1776 con la Dichiarazione di Indipendenza”, quella del titolo.
Di contro, no, a parere di non pochi che pensano invece al 1619, allorquando sbarcarono a Jamestown, Virginia, i primi schiavi (secondo alcuni invece servitori) africani.
È l’anno scorso – a quattrocento anni da quell’accadimento – che il New York Times Magazine ha ideato, proposto e sviluppato il ‘The 1619 project’ appunto, che ha inteso dare assai più rilevanza del consueto alla storia della ‘slavery’ nel Paese.
Contro questa impostazione – oggi argomento di contrapposizione in vista del 3 novembre – accettata e sostenuta a sinistra, si battono Donald Trump e i repubblicani.
Parlando di recente, il Presidente ha dichiarato che l’attenzione al tema nelle scuole è eccessiva e porta alla divisione.
Ha aggiunto che occorre invece tendere ad una istruzione che abbia fini patriottici.
Polemiche a non finire.