I primati negativi di Samuel Tilden

Governatore del New York, il democratico Samuel Tilden andò nel 1876 assai vicino all’impresa.
Quale?
Quella di interrompere la serie di vittorie repubblicane.
Serie che aveva avuto inizio nel 1860 con Abraham Lincoln (vincitore anche quattro anni dopo) ed era proseguita con la duplice affermazione (1868 e 1872) di Ulysses Grant.
Perse.
Perse vincendo il voto popolare e non quello dei Grandi Elettori (primo a subire tale bruciante sconfitta in quanto gli accadimenti del 1824 sono diversi).
Perse altresì per l’attribuzione al rivale repubblicano Rutherford Hayes, da parte di una specificamente creata Commissione congressuale, dei voti dei Grandi Elettori di tre Stati (fra i quali la Florida come accadrà nel 2000) in bilico e non assegnati sulla base degli scrutini.
Perse da questo punto di vista per un solo suffragio: cento ottantacinque a cento ottantaquattro.