Donald Trump torna alla ribalta

L’ex presidente USA ha concluso una convention del partito repubblicano in North Carolina, attaccando la politica del suo successore
Joe Biden e la sinistra radicale che “stanno distruggendo il Paese”.
“Stanno tagliando i fondi alla polizia, l’immigrazione illegale sta di nuovo esplodendo e la disoccupazione è fuori controllo.
Dobbiamo batterli alle prossime elezioni di metà mandato, non abbiamo altra scelta”, ha aggiunto l’ex presidente accolto a Greenville da oltre 1.200 persone che gli hanno tributato una lunga standing ovation.
Non è mancato l’affondo contro Anthony Fauci:
“Ha sbagliato su tutto, ma è sempre in tv, più di ogni altro politico”.
Trump ha pure riservato una bacchettata anche contro Mark Zuckerberg, dopo che Facebook ha deciso di sospendere per due anni il profilo dell’ex presidente: “Spegnere le voci è una cosa vergognosa e ingiusta”.
L’ex capo della Casa Bianca è poi tornato sull’esito delle presidenziali del novembre scorso, ribadendo la tesi delle “elezioni rubate” e parlando di “crimine del secolo”.
Ha ribadito anche che la partita a suo modo di vedere non è ancora chiusa e come dall’Arizona ad altri Stati (la Georgia e la Pennsylvania in particolare) potrebbero esserci sorprese se si continuerà a valutare quanto accaduto con i voti. Nessun cenno però su una possibile nuova discesa in campo per le presidenziali del 2024.