Categoria: Storia delle elezioni presidenziali USA

Effetto della candidatura del cattolico Alfred Smith nel Sud ex secessionista

Alabama, Arkansas, Georgia, Mississippi, South Carolina, gli Stati ex secessionisti nei quali tra il 1868 e il 1924 il Partito Repubblicano praticamente neppure presentava propri candidati per Governatorati, seggi congressuali e cariche locali essendo la ‘vera’ elezione la Primaria democratica e una pura formalità quella ufficiale, del tutto confermativa. Non sovrapponibile per alcune ‘sacche’ vicine…

Read more »

Hannibal Hamlin batte Cassius Clay!

Chicago, Illinois, dal 16 al 18 maggio del 1860. Seconda Convention del da poco (nel 1854) costituito Partito Repubblicano. Quanto alla scelta del candidato alla Presidenza, l’ex Rappresentante Abraham Lincoln prevale nei confronti dell’allora Senatore del New York William Seward al terzo scrutinio. Sarà poi, favorito dalle divisioni interne al Partito Democratico che propone due…

Read more »

John Garner, ovvero “fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio”

Allora, la tradizione (non le disposizioni costituzionali: in merito si interverrà solo nel 1951 con il XXII Emendamento) e le indicazioni di George Washington (il quale rifiutò un terzo mandato) avevano indotto fior di Presidenti a ritirarsi dopo due quadrienni a White House. Per dire: Thomas Jefferson, James Madison, James Monroe, Andrew Jackson, Ulysses Grant…

Read more »

Elezioni del 1960: un gran numero di primati

960 La prima volta nella quale un cattolico (John Kennedy, come tutti sanno) viene eletto Presidente. La prima volta nella quale trova applicazione il XXII Emendamento che vieta a un Capo dello Stato (nello specifico, Dwight Eisenhower) una terza elezione. La prima volta nella quale votano tutti i cinquanta Stati. L’ultima volta nella quale non…

Read more »

1888, quando decise tutto il New York

Fu la tornata elettorale del 1888 a detta degli osservatori la “più corrotta della storia americana” (Maldwyn Jones) per la compravendita dei voti messa in atto da entrambe le parti nonché quella nella quale furono fatti girare ad arte documenti falsi attribuiti ai rivali per screditarli. Il 6 novembre, giorno elettorale, il democratico Grover Cleveland,…

Read more »

Centodieci giorni un tempo perché una notizia arrivasse da Washington in California

4 aprile 1841, in carica esattamente da un mese (fino al 1933 compreso il Presidente prestava Giuramento e si insediava il 4 marzo dell’anno successivo alla elezione), William Harrison moriva. Ebbene, perché la notizia del decesso arrivasse in California (all’epoca, peraltro, ancora messicana), occorsero centodieci giorni! Quattro anni dopo, nel 1844, il Congresso stanziava i…

Read more »

In Pennsylvania nel 2016 le periferie e le campagne hanno sconfitto le città e Trump ha vinto

Sapete com’è. Per via dei fusi orari, seguiamo in ore per noi notturne le votazioni USA in programma il primo martedì dopo il primo lunedì del mese di novembre per la scelta dei Grandi Elettori. E capita con il trascorrere del tempo che la carta geografica dei singoli Stati, con i sondaggi, poi gli exit…

Read more »