Categoria: Dopo il voto

Kamala Harris in grande spolvero

Efficace emotivamente (non solo), Kamala Harris, va oggi prendendo il volo nei sondaggi tra democratici. Dopo i confronti di Miami, Quinnipiac University la colloca seconda alle ruote di un declinante Joe Biden. L’ex Vice di Obama guida ancora ma sarebbe sceso al ventidue per cento e qualcuno già ipotizza possa fare la fine del Jeb…

Read more »

Ispanici per Trump?

Il cinquanta per cento degli ispanici residenti negli USA approva il lavoro svolto da Donald Trump e il quarantasette per cento ha una opinione favorevole di lui. Nel contempo, l’ottanta per cento di quanti si definiscono repubblicani lo supportano mentre solo il cinque per cento gli preferirebbe l’ex Governatore dell’Ohio John Kasich. Questo l’esito di…

Read more »

Mike Pence manifesta contro l’aborto

È la prima volta. Mai successo prima. Il vice presidente Mike Pence ha partecipato ad una manifestazione contro l’aborto nel mentre Donald Trump approvava l’iniziativa. Lo stesso Trump che ha firmato poco fa il decreto che esclude dai finanziamenti pubblici le organizzazioni internazionali favorevoli all’aborto. Mauro della Porta Raffo

I media sono l’opposizione!

“I media sono il partito di opposizione. Non capiscono questo Paese. Non hanno ancora capito perché Donald Trump è il presidente degli Stati Uniti d’America!” Parola del chief strategist di Trump Steve Bannon. Mauro della Porta Raffo

Gli interessi USA al primo posto e l’antipolitica, i due temi fondamentali del discorso di Donald Trump

Il discorso di insediamento di Donald Trump non è stato un capolavoro di oratoria. D’altronde, l’ars rethorica non è mai risultata in cima ai pensieri del neopresidente, che ha sempre fatto del parlar pragmatico un punto centrale della sua strategia politica: quasi un modo per ribadire la propria vicinanza al popolo, in netta contrapposizione nei confronti…

Read more »

Trump: Discorso da patriota mentre Bill, come al solito, pensava ad altro

Direi la cravatta rossa. Lunghissima, quasi un red carpet. Trump day, roba tutta made in “iu-es-ei”, discorso da patriota, God bless innanzitutto e soprattutto, baci alle donne di ieri e di oggi, Michelle e Melanja, abbracci con uomini di ieri e di oggi, Clinton, Bush, Obama, il Campidoglio come teatro unico e meraviglioso, forze fresche,…

Read more »

Il futuro di Obama e il difficile confronto con il precedente di John Quincy Adams

In un mondo politico e mediatico dominato dalle “fighette” (copyright, Clint Eastwood, che nel corso dell’ultima campagna, ribadendo la propria fede repubblicana, ebbe a dichiarare di non poterne più di essere governato da tutti questi esponenti della “pussy generation”), può perfino capitare che un partito raso al suolo dai suoi otto anni alla Casa Bianca …

Read more »