Calvin Coolidge

Calvin Coolidge nacque il 4 luglio 1872 e morì il 5 gennaio 1933. Fu in carica dal 2 agosto 1923 al 3 marzo 1929.  

L’uomo politico

Governatore del Massachusetts dal 1919 al 1921, Calvin Coolidge divenne improvvisamente famoso a livello nazionale per la fermezza dimostrata nel reprimere, nel 1919, uno sciopero dei poliziotti di Boston.

In un momento politico nel quale, dopo tre decenni circa di progressismo e di forti contrasti, a Prima Guerra Mondiale terminata, la massima aspirazione della gran parte dei cittadini sembrava essere quella di arrivare ad una ‘normalizzazione’ (qualunque cosa tale espressione volesse significare), la convenzione repubblicana del 1920 lo scelse quale candidato alla vice presidenza inserendolo nel ticket a fianco di Warren Harding.

Sopravvissuto – in forza della propria incorruttibilità e della rettitudine che lo distingueva dai molti politici affaristi che infestavano all’epoca la vita pubblica – ai molti scandali che accompagnarono il breve mandato di Harding (il quale, comunque, nel momento della dipartita, fu pianto dal popolo che lo amava), Coolidge arrivò alla presidenza il 3 agosto 1923.

Da subito, per la maggior parte degli americani, divenne una specie di totem, un simbolo altamente apprezzato dei valori tradizionali che il progressismo degli ultimi anni sembrava in parte avere messo in ombra.

Rieletto a furore di popolo nel 1924, travolgendo il debole democratico Davis e La Follette, da liberista in economia quale era, Coolidge governò un Paese in apparenza particolarmente prospero nel quale ben pochi si rendevano conto che il boom in corso (determinato anche da una vera rivoluzione nel campo dei trasporti: si pensi solamente all’automobile!) in quella che fu chiamata ‘l’età del jazz’ già prefigurava la tremenda crisi del 1929.

Rifiutata nel 1928 una nuova nomination che, data la sua popolarità, lo avrebbe portato ancora senza fatica a White House, il Nostro si ritirò a vita privata aprendo la strada ad Herbert Hoover il quale sembrava avere tutte le necessarie qualità per essere un grande presidente.

I fatti, purtroppo, si incaricarono di dimostrare che così non era e, nel giro di pochi mesi a Grande Depressione in atto, fu chiaro che i suoi programmi non erano assolutamente all’altezza della situazione.

Calvin Coolidge
Calvin Coolidge

Il giuramento in pigiama

Unico, il giuramento prima di entrare in carica prestato da Calvin Coolidge.

Vice, come detto, di Warren Harding, si trovò a succedergli mortis causa l’8 agosto del 1923.

Essendo in casa dei genitori, ricevuta la notizia, giurò nelle mani del padre, giudice di pace, nel mentre la madre reggeva un lume.

Erano tutti in pigiama.

Per la storia, la cerimonia dovette essere ripetuta non essendo invero il padre autorizzato ad investire ufficialmente Calvin.

MAuro della Porta Raffo