Andrew Yang nega l’ipotesi terzo partito

Ricordate?
Per un certo periodo, l’ex amministratore delegato di Starbucks, Howard Schultz ha pensato alla possibilità di presentarsi da indipendente alle elezioni 2020.
Ebbene, dopo un lungo silenzio, ha ieri comunicato che non sarà della partita.
È di questi giorni la voce di una possibile candidatura del candidato democratico alla nomination Andrew Yang come leader di un terzo partito.
Ebbene, Yang ha precipitosamente smentito affermando che, anche dovesse uscire sconfitto dalla corsa democratica, mai si proporrebbe altrove essendo suo primo intento sconfiggere e mandare a casa Donald Trump.
Ritiene correttamente che un terzo partito forte favorirebbe invece la permanenza del Presidente a White House.