24 giugno 1949: con la programmazione del primo western la Televisione negli USA dispiega le ali

Hollywood e cioè il cinema per anni snobbò la nascente televisione.
Avrebbero potuto le grandi Case di produzione investire in merito ma non lo fecero considerando la tv un fenomeno passeggero e minore.
Allorquando la Mecca del Cinema si accorse che le cose non stavano così, al fine di boicottare il mezzo in crescita, per prima cosa, proibì a tutti i propri attori, sceneggiatori, registi e tecnici di lavorarvi pena l’ostracismo.
Le Case di produzione, poi, si accordarono per non vendere mai al concorrente oramai pericoloso (gli incassi annui calavano in modo preoccupante) le pellicole che pure riposavano a migliaia nei loro archivi.
Capitò peraltro che i diritti relativi ai sessantasei film western che vedevano in azione il cow boy ‘Hopalong Cassidy’ appartenessero all’attore protagonista William Boyd che li aveva comprati.
Fu il 24 giugno del 1949 che il primo film della serie fu proiettato sul piccolo schermo.
Nacque a seguito del grande successo che l’iniziativa conobbe il genere western televisivo che già nel seguente decennio Cinquanta diede un decisivo contributo alla affermazione del mezzo proprio ai danni del Cinema.
Successo che la politica faticherà a sua volta a comprendere tanto che sarà necessario aspettare il 1960 per avere il primo confronto televisivo tra candidati alla Casa Bianca.
Incredibile tutto ciò quando si pensi alla importanza acquistata nel campo dal piccolo schermo negli ultimi decenni!